Certificato di matrimonio

Chi lo può richiedere

Chiunque abbia un documento d’identità valido e conosca i dati anagrafici della persona cui si riferisce il certificato.

Autocertificazione

E’ possibile stampare il certificato già compilato

Quando fare la richiesta

In qualunque momento.

Dove andare

In qualunque ufficio anagrafico se la richiesta riguarda persone residenti e coniugate nel Comune. Nel Municipio della zona d’appartenenza del richiedente se riguarda persone coniugate nel comune ma non residenti.

Cosa fare

Chi richiede il certificato di matrimonio deve compilare il modulo predisposto. Nel modulo bisogna indicare il nome, il cognome e la data di nascita della persona cui si riferisce il certificato, firmare il modulo e riportare gli estremi del proprio documento d’identità. Il modulo deve essere consegnato allo sportello che rilascia il certificato. Il rilascio è gratuito. Non è previsto il rilascio in bollo.

Tempi

La consegna è immediata se la richiesta riguarda persone residenti e coniugate nel Comune. Differita se la richiesta riguarda persone non residenti nel Comune.

Validità

Il certificato di matrimonio ha validità 6 mesi. Se allo scadere dei sei mesi le informazioni in esso contenute non sono variate, gli interessati potranno dichiararlo in fondo al certificato stesso senza l’obbligo di autenticare la firma. Le Pubbliche Amministrazioni, nonché i Gestori o Esercenti di Pubblici Esercizi (es: Acea, Cotral, Telecom etc.) che lo richiedono, dovranno ancora ritenerlo valido.

Norme di riferimento

1) Legge 24 dicembre 1954, n. 1228;
2) D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223;
3) Legge 29 dicembre 1990, n. 405;
4) D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445.

Condividi:
Argomenti